venerdì 15 gennaio 2016

Il mio terzo libro: ADELA

 
 
 https://leggi.amazon.it/kp/embed?preview=inline&linkCode=kpe&ref_=cm_sw_p_kb_dp&asin=B01AGZKB9S&tag=%26lt%3Biframetype%3D%26quot%3Btext%2Fhtml%26quot%3Bwidth%3D%26quot%3B336%26quot%3Bheight%3D%26quot%3B550%26quot%3Bframeborder%3D%26quot%3B0&from=Bookcard&reshareId=WV7R1XNBGKZ0CKXE33PH&reshareChannel=system

Questo romanzo è un omaggio alla mia città, Ravenna, e alla sua Chiesa più bella.

La prima volta che entrai nella Basilica di S. Vitale, ero una bambina di undici anni, provai un'emozione indefinibile. Mi guardai intorno e fui sommersa da una sensazione di “dejà vu”e, allo stesso tempo, mi sentii avvolta da un alone di mistero e stupore che segnarono per sempre la mia vita. Da quel giorno ci sono ritornata spesso, da sola o in compagnia, e quell'attrazione fatale mi ha sommerso ogni volta. Ho immaginato mille storie e personaggi, popolare la sua arcana bellezza, e finalmente, sono riuscita a scrivere un romanzo che desse corpo alla fantasia che mi ha sempre ispirato: Adela

La Basilica di S. Vitale non è la protagonista, ma la “casa” attorno alla quale si sviluppa una storia d'amore e morte che si sviluppa i tre periodi storici: “2014- 548 e un futuro senza data.

Sono ovviamente rimasta fedele alla ricostruzione temporale dei vari secoli e alla descrizione delle chiese (Ravenna ne vanta più di una), per quanto riguardo i vari personaggi, davvero vissuti, li ho messi nella trama assieme ad altri di pura invenzione.

E' stato un lavoro di studio e ricerca, duro e difficile per un'autodidatta come me, ma estremamente appagante.

Un desiderio realizzato che spero di condividere con i miei lettori.

Sinossi

Storia d'amore e morte diviso in tre capitoli storici. 2014 - 548- e futuro senza data.
Romanzo gotico, surreale, fantascientifico, nella cui trama Adela è la protagonista di eventi straordinari e misteriosi all'ombra della magnifica Basilica di S. Vitale a Ravenna, chiesa che sarà l'emblema di un fatale destino.  

Il mio secondo libro: Il lamento della Medusa"